Ouvroir de Lutherie Potentielle

Nella mente di principiante ci sono molte possibilità, in quella da esperto poche.

OuLuPo (acronimo dal francese Ouvroir de Lutherie Potentielle, ovvero “officina di liuteria potenziale”) è un gruppo (non ristretto)  che mira a creare chitarre usando, tra le altre, le tecniche della progettazione vincolata detta anche a restrizione. Venne fondato nel 2010 da Stefano Aria

Il gruppo definisce il termine lutherie potentielle come la “ricerca di nuove strutture e schemi che possano essere usati dai liutai nella maniera che preferiscono”.

Si usano dei vincoli come strumenti per stimolare le idee e l’ispirazione; tra i più rilevanti la “macchina leva cutaway” usata nella costruzione della Telecaster.

Ho la sensazione che oggi non si abbia «più» o, per meglio dire, momentaneamente «non ancora», il diritto di fare chitarre elettriche in maniera «poetica».

Bisogna fare chitarre senza i crepuscolarismi, senza il naturalismo di stampo ottocentesco, i vibranti slanci di retorica fasulla, l’intimismo sgradevole che alberga in tutto quello che considero come la peste: intarsi, binding, top fiammati, manici incollati.

Nessun chitarrista professionista si è mai guadagnato da vivere suonando oltre il quinto tasto.